Per lo sfogo di un momento:

Certi giorni rimango sconcertata nell’apprendere quanto le persone possono essere egoiste e cattive. Non parlocerto del signore che ti scavalca alla posta senza chiedere il permesso né poi scusarsi o altro e non parlo neanche della signora tutta fichetta che lascia il suv in doppia fila per andare a farsi la ceretta la manicure. No! Parlo proprio delle persone che hai vicino, persone che dovrebbero aiutarti, appoggiarti e incoraggiarti e invece non appena sentono che il loro stupido orticello è minacciato se ne fregano del rapporto che c’è tra di voi e pensano a farsi i fatti propri. A me questo non piace per nulla perché forse io sono anche scema a farmi in 4 per tutto e per tutti ma sono fatta così. Poi magari penso che, se un giorno avessi bisogno, loro ci sarebbero per me ma mi rendo sempre più conto che purtroppo non è così.

Cosa insegnerò ai miei figli?
Sicuramente insegnerò loro ad aiutare il prossimo ma soprattutto ad essere forti perché non sempre il prossimo ci sarà per loro…
Dovranno imparare a cavarsela da soli perchè la vita è imprevedibile… a tratti è meravigliosa… ma alcune volte è crudele e ingiusta ed è li che dobbiamo rimboccarci le maniche ed andare avanti.

Ovviamente so che non è sempre cosi, grazie al cielo nella vita si incontrano tante ma tante persone meravigliose… sulle quali sai di poter contare.. con le quali sai che ti potrai sfogare e ti strapperanno un sorriso perchè gli amici .. i genitori.. i fratelli… ti consolano ma la cosa bella è che ti fanno sorridere.. ti abbracciano e ti fanno sentire che ci sono…

Prendete la parte in corsivo come lo sfogo notturno di una blogger che ha avuto una giornataccia e che per un pò ha visto il mondo in bianco e nero…

Ma c’è sempre un ma.. questo blog parla di cucina e quindi vi lascio la mia ricetta scacciatristezza… quella tramandata da generazioni in generazioni.. quella che cucino quando sono triste.. quella che cucino quando voglio coccolare le persone che amo…

Frittelle di mele

2 mele golden

6 cucchiai di farina

6 cucchiai di birra

1 cucchiaino di lievito perr dolci (facoltativo)

1 uovo

un cuchiaio di olio EVO

il succo di un limone

olio per friggere (arachidi)

zucchero a velo

Il taglio delle mele è personale.. a me, al mio compagno e a mia mamma piacciono a fette spesse circa un cm ma mio papà le preferisce più sottili, circa mezzo cm… de gustibus…

Sbucciare le mele e con un levatorsoli togliere il …mmm.. torsolo 😀

tagliarle a fette e irrorare di limone.

in una ciotola mescolare la farina con la birra, l’olio e l’uovo, dovete ottenere un pastella abbastanza densa, che si aggrappi alla mela e non scivoli via.

mettere in una padella dell’olio per friggere e scaldare.

quando è caldo passare le fette di mela nella pastella e friiggere su tutti e due i lati per un paio di minuti.. non di più.

mettere su carta assorbente a scolare e servire tiepide spolverizzate con abbondante zucchero a velo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here