Sabato sera, dopo aver preparato la torta per mia nipote, io e Manuel ci siamo messi in macchina per andare al primo Taste of Roma

La location era l‘auditorium parco della musica.

Purtroppo non ho portato la macchinetta fotografica -.-‘ quindi le poche foto che sono riuscita a fare le ho fatte con l’ iphone!

Vi lascio con una carrellata di foto della serata!

Nel corso della serata ho provato qualche piattino..

questi quelli che mi sono piaciuti di più!

Giuda Ballerino

Chef: Andrea Fusco

Spiedino di gambero in pasta fillo e spuma di mortadella
Tortellini di ricotta Funghi, guancia al Cesanese e clorofilla di rucola

 

Ristorante All’Oro

Chef: Riccardo Di Giacinto

“Rocher” di coda alla vaccinara con gelèe di sedano

Taste1

Appena arrivati siamo andati subito allo stand SanPellegrino per salutare e ringraziare Elisa per l’invito e Click foto fatta (per la gioia di Manuel :P)

Un giro tra gli stand, una cooking session e, con un bel calice di Refosco, siamo tornati allo stand SanPellegrino per gustarci l’intervista fatta al giovane chef Luciano Monosillo del Ristorante Pipero al Rex

foto

Finita l’intervista sentivo il bisogno di un dolcetto (alla faccia della dieta) sono rimasta inebriata dal profumo di cioccolato che proveniva da Said, e che non la prendi la frutta con il cioccolato e magari anche un dolcetto alle mandorle??

taste2

Per concludere un bel caffè di Sant’Eustachio

taste_caffè

Una tappa all’emporio delle spezie e una allo stand dei formaggi svizzeri.

Ok adesso che vi ho parlato della ia serata parliamo anche delle mie riflessioni sull’evento!

Trovo che il biglietto d’ingresso sia un po’ troppo caro, 16€ mi sembrano troppi per una fiera dove si spendono già parecchi soldi per mangiare.

(all’interno della manifestazione ogni piatto costava circa 5-6 sesterzi (1 sesterzo = 1 €) e un calice di vino partiva da 4 fino agli 8 sesterzi.)

Per un piccolo aperitivo (vino, 2 piattini e l’ingresso) si spendono almeno 30€ e visti i tempi di crisi che stiamo vivendo beh mi sembra eccessivo. E’ vero che si ha la possibilità di gustare piatti di Chef stellati a dei prezzi relativamente bassi, infatti io avrei abbassato il costo d’ingresso!

In proporzione conveniva acquistare il biglietto premium al costo di 55€, oltre all’ingresso c’erano 15 sesterzi caricati, diversi omaggi tra gli stand e degustazioni di vino!

Mi sarebbe piaciuto qualche stand in più, magari con più produttori locali.

Nel complesso è stata una bella iniziativa sicuramente tonerò ai ristorante Giuda Ballerino e Ristorante All’Oro

Venerdì tornano le ricette promesso!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here