Amaradolcezza
Lunedì 29 Giugno 2015
Pavlova (al microonde) PDF Stampa E-mail
Pin It

pavlova

La pavlova è un dolce che amo tanto, nonostante io non sia una fan dei dolci troppo "dolci" ma questo mi piace molto. l'anno scorso ho festeggiato con questa torta il mio compleanno, ne ho fatta una enorme e l'ho decorata con frutti rossi e panna, purtroppo è stata spazzolata troppo in fretta per la foto :D

ieri avevo voglia di preparare un dolcino per terminare il pranzo con tutti i parenti (a Roma era festa) ma il tempo per fare la pavlova non c'era e soprattutto la voglia di tenere il forno acceso per 3-4 ore!

Mi sono ricordata di questa ricetta e ho provato a replicare.

ammetto che ero scettica, la meringa è una cosa molto complicata da fare, per lo meno io trovo sempre difficoltà :/ questa è facilissima, il gusto è uguale a quella originale ma la consistenza no, la pavlova tradizionale dentro rimane morbida, che si scioglie in bocca, questa invece è croccante e molto più friabile.

Quindi, se non avete voglia di tenere il forno acceso per 4 ore (O_O) questa ricetta fa al caso vostro!

Mi raccomando solo di usare panna fresca e frutta di stagione, l'estate ci offre dei frutti strepitosi, usiamoli!

con questa ricetta inauguro la mia collaborazione con Le Naturelle.

uova bio

Pavlova al microonde

per due dischi da 22 cm

 

1 albume

300 gr di zucchero a velo

 

panna fresca non zuccherata 

frutta fresca di stagione

(melone, kiwi gialli, pesche e albicocche)

 

mescolate con le mani lo zucchero e l'albume fino ad ottenere un composto simile al pongo. create dei cordoncini e arrotolateli a formare un disco. mettete il piatto nel microonde alla massima potenza (io 800W) per 2 minuti e mezzo.

fate la stessa cosa con la pasta avanzata.

decorate poco prima di servire con la panna e la frutta.

 

NOTA: decorate la meringa poco prima di servirla altrimenti perde di friabilità. Il tempo di cottura dipende dal vostro forno, se dovesse scurirsi troppo diminuite di qualche secondo i tempi di cottura.

 
Giovedì 02 Luglio 2015
polpettoncini all'orientale PDF Stampa E-mail
Pin It

spiedini carne orientale

 

 Ci sono ricette che vengono così per caso...

stavi facendo le polpette e ti viene in mente che potresti aggiungere della cipolla tritata all'impasto e poi, perchè no, anche tanto prezzemolo e poi il sale e poi, non contenta, decidi che la classica forma tonda oggi proprio non ti va, così prendi uno stecchino e ci inizi ad avvolgere le "polpette" intorno.

cotte in forno per 25 minuti e mangiate in un quarto del tempo :D accompagnate da tanta salsa barbecue (che io amo alla follia)

spiedini carne

polpettoncini all'orientale

500 gr di carne di manzo macinata 

una manciata di foglie di prezzemolo

mezza cipolla bianca tritata 

sale

mescolate la carne con il prezzemolo tritato e la cipolla, regolate di sale. 

prendete delle palline di impasto grandi quanto un uovo e formate dei piccoli sfilatini, inserite all'interno lo spiedino.

infornate a 170° per 25 minuti massimo.

Servite con abbondante salsa barbecue

 

 
Giovedì 05 Luglio 2012
menù anticaldo #2 PDF Stampa E-mail
Pin It

ricette anticaldo

secondo appuntamento con i menù anticaldo

Questa settimana è previsto l'uso del forno ma per fare delle ricette che ovviamente non devono essere mangiate calde.. magari le prepariamo la mattina presto per la sera.

 

 

menù anticaldo vegetariano

 

 

 

 pizzette di melanzane

 pizzette di melanzane

  ricetta qui

Gazpacho

 

 gazpacho

  ricetta qui

pesche al forno dopo

 

 pesche al forno 

  ricetta qui

 
Mercoledì 08 Luglio 2015
omelette al radicchio PDF Stampa E-mail
Pin It

omelette radicchioDa quando vivo sola ammetto di stare molto più attenta alla spesa. Frutta e verdura solo al mercato, nel mio banco di fiducia, le uova solo bio così come il pollo e almeno tre volte a settimana pesce, prediligendo il pesce azzurro, molto più economico e più salutare.

Per quanto riguarda frutta e verdura compro solo quella di stagione, è più saporita e costa molto meno!

Dopo aver visto qualche video su internet ed essermi informata un po' ho deciso di comprare solo e unicamente uova biologiche, ancora meglio se vengono dalla cooperativa biologica che ho vicino casa, ma non sempre riesco a passare lì e mi capita di comprarle bio al supermercato.

Così quando  Naturelledel Gruppo Eurovo, mi ha contattata per farmi provare le loro uova bio ho detto subito di si! Si tratta di uova biologiche di galline allevate all’aperto e alimentate esclusivamente con mangimi provenienti da agricoltura biologica. 

Arriviamo alla nostra seconda ricetta (la prima la trovi qui

Omelette al radicchio

per 1 omelette

3 uova bio

un piccolo radicchio rosso 

olio

sale

2 cucchiai di latte

2 cucchiai di parmigiano

 

 

lavate e tagliate a striscioline il radicchio. Rosolatelo in una padella con un cucchiaio di olio per qualche minuto. quando è pronto mettetelo in un piatto.

mettete a scaldare una padella di 28 cm di diametro con due cucchiai di olio.

a parte sbattete le uova con il sale, il parmigiano e il latte.

versate le uova nella padella calda e iniziate a rompere la frittata con un mestolo. delicatamente portate tutto il composto in un lato e mettete metà del radicchio. Con dei piccoli colpetti di polso cercate di compattare l'omelette su un lato e fatela rigirare.

Per capire la mia contorta spiegazione :D vi consiglio di guardare questo video

servite calda accompagnata dal resto del radicchio.

 
Lunedì 29 Ottobre 2012
polpette al sugo su crostoni di polenta PDF Stampa E-mail
Pin It

polpette al sugo

il freddo è arrivato, finalmente, anche a Roma! E cosa c'è di più buono di una bella polenta quando la temperatura scende sotto i 10 gradi??

 

ad_ogni_morso_un_sorso

undicesimo appuntamento con  "ad ogni morso un sorso" la rubrica di wine e food in collaborazione con Fernando di


Logo_Winexplorer

wine:

Vigne dei Mastri

"Marcello" Monferrato Rosso 2007

colore: rosso rubino intenso, con prevalenza della nota granata
profumoall’olfatto sprigiona profumi complessi, con note di piccoli frutti rossi, spezie ed un finale di vaniglia e cacao.
palato: il sapore è molto equilibrato, morbido, con tannini delicati e dolce nel retrogusto.   

temperatura di servizio: 16-18°C
grado alcolico: 13,5% vol.
premi: Douja d’or 2009

food

Polpette al sugo su crostoni di polenta

per le polpette

500 gr di macinato misto (bovino adulto, maiale, salsiccia)

4 fette di pancarrè

mezzo bicchiere di latte

50 gr di parmigiano

1 uovo

pangrattato

sale

per il sugo:

un litro di passata

cipolla

carota

sedano

olio

sale

per i crostoni

250 gr di polenta

mezzo litro di acqua

mezzo litro di latte

sale

 

Per prima cosa preparare la polenta: portare a ebollizione l'acqua e il latte con il sale, appena bolle versare la polenta a pioggia e mescolare con una frusta per circa 8 minuti. versare in una teglia e livellare bene, deve avere uno spessore di circa 1 cm. Far raffreddare bene.

Preparare il sugo: fare un soffritto con carota, cipolla e sedano, aggiungere la passata e far cuocere 15 minuti a fuoco lento.

Per le polpette: in una ciotola spezzare il pane e bagnarlo con il latte, strizzarlo e unirlo al macinato, aggiungere l'uovo, il parmigiano e pangrattato quanto basta per avere un composto sodo. fare le polpette e e metterle nel sugo, coprire con un coperchio e far cuocere 20 minuti.

tagliare la polenta a quadrati e grigliarli.

Girarle delicatamente con un cucchiaio e farle cuocere ancora 20 minuti.

Servire le polpette fumanti sopra i crostoni.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 98